PRIMO GIORNO DI SCUOLA
La lettera del sindaco Antonelli agli studenti: “Ogni momento in classe è prezioso, siate protagonisti”

Nel messaggio del primo cittadino c'è anche un ringraziamento rivolto a insegnanti e famiglie per l'impegno e i sacrifici fatti per fronteggiare la situazione di emergenza

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Lunedì mattina il sindaco Emanuele Antonelli e l’assessore all’Educazione Gigi Farioli hanno fatto gli auguri ai bimbi delle Tommaseo e delle Bertacchi in occasione del primo giorno di scuola.

Il primo cittadino ha voluto inviare una lettera a tutti gli studenti, gli insegnanti e i genitori della città

“Cari bambini, cari ragazzi, cari dirigenti, e insegnanti, cari genitori,

da oggi, dopo la brusca interruzione della fine di febbraio, il lockdown con la didattica a distanza, le vacanze estive, si torna finalmente  a scuola.

Sarà un’emozione per tutti ritrovarsi e ricominciare, anche se la vita nelle aule non sarà come prima di questo lungo e inaspettato stop che ha stravolto le abitudini del mondo intero. Sarà un anno difficile, non ce lo nascondiamo, che comporterà  un grande impegno da parte di tutti, Amministrazione comunale compresa.

A voi, bambini e ragazzi, sarà richiesto un grande impegno non solo nello studio, ma anche nel rispetto delle regole che la pandemia ancora impone. Durante i mesi scorsi siete stati molto bravi: con l’aiuto dei vostri genitori avete capito perfettamente che dal vostro comportamento dipendono la salute e la vita di nonni e parenti anziani.

Ecco, sarà ancora così per tanto tempo, dovrete quindi continuare a rispettare tutte le indicazioni utili ad evitare di ammalarvi e di contagiare le persone più care.

Non sarà facile, lo so, andare a scuola con le mascherine, mantenere la distanza dai vostri compagni e dagli insegnanti, seguire i percorsi prestabiliti, igienizzare continuamente le mani, ma ho una grande fiducia in tutti voi e nella capacità dei vostri insegnanti e dei vostri genitori di aiutarvi ad affrontare questo ritorno tra i banchi.

Un ritorno di cui avete un gran bisogno: la pandemia, relegandovi nelle vostre camerette, vi ha tolto mesi importanti per la crescita sociale, vi ha impedito di vivere quelle importantissime relazioni che solo in presenza si possono creare tra compagni e tra studenti e docenti.

E’ ora di tornare a riprendervi ciò che avete lasciato nelle aule a fine febbraio, ma in un modo nuovo, stando sempre attenti a restare in sicurezza. All’inizio dovrete pensare continuamente a come muovervi e comportarvi, ma poi vedrete che diventerà un’abitudine.

Se farete tutti la vostra piccola parte la situazione resterà sotto controllo e sarà possibile superare questo momento così incerto e difficile.

Un’ultima raccomandazione… vi siete resi conto in questi mesi a casa che ogni momento passato in classe è preziosissimo: vivetelo da protagonisti attivi, partecipate, fate domande, dimostrate interesse, non siate indifferenti a tutto ciò che vi accade intorno, non sprecate il tempo che potrete vivere accanto a insegnanti e compagni. Solo così potrete recuperare quei mesi trascorsi lontano da scuola.

Agli insegnanti, che non smetterò mai di ringraziare, vorrei suggerire di trasformare questa situazione in un’occasione per stimolare bambini e ragazzi a diventare più responsabili, anche come cittadini. Se saranno capaci di fermare la pandemia con i loro piccoli gesti quotidiani, saranno anche cittadini in grado di guardare al bene comune e di prendersi cura degli altri, delle loro necessità. Imparando a guardare oltre al loro banco, impareranno a guardare oltre il loro giardino, la loro porta di casa. È un compito educativo più che didattico, sono certo che lo farete al meglio, come sempre, e con tanta attenzione alle molte esigenze dei ragazzi, alle diverse sensibilità di ciascuno.

Un grazie speciale anche alle famiglie che in questi mesi hanno fatto veri e propri miracoli per trovare un equilibrio: continuare a camminare insieme agli insegnanti, a fare squadra con le istituzioni scolastiche sarà fondamentale in questo anno così delicato.

L’Amministrazione comunale sarà sempre e ancora al vostro fianco per affrontare le necessità e i problemi che via via si presenteranno e per trovare insieme soluzioni condivise e soddisfacenti per tutti,  nel supremo interesse dei nostri bambini e dei nostri ragazzi.

Buon anno scolastico a tutti!

Con affetto, il vostro sindaco
Emanuele Antonelli

Copyright @2020

NELLA STESSA CATEGORIA