Il sopralluogo del sindaco Antonelli
Lavori nelle scuole di Busto per ripartire in sicurezza

È (quasi) tutto pronto per il ritorno tra i banchi di scuola dopo i lunghi mesi del lockdown. Venerdì mattina il sindaco Antonelli ha visitato le scuole Bellotti, Galilei e Bossi, dove sono al termine importanti lavori di ristrutturazione

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

È (quasi) tutto pronto per il ritorno tra i banchi di scuola dopo i lunghi mesi del lockdown.
Venerdì mattina, 11 settembre, il sindaco Emanuele Antonelli ha visitato le scuole Bellotti, Galilei e Bossi, dove sono quasi giunti al termine importanti lavori di ristrutturazione, grazie al supporto operativo di Agesp Attività strumentali.
Erano lavori indispensabili, non si poteva più aspettare – ha detto Antonelli – se chiediamo ai ragazzi ordine, pulizia e correttezza non possiamo pretendere che vadano a scuola in edifici degradati, devono essere circondati dalla bellezza. Il lockdown purtroppo ha un po’ allungato i tempi, ma siamo quasi in dirittura d’arrivo, mancano alcuni piccoli interventi che verranno eseguiti nelle prossime settimane in accordo con i dirigenti scolastici. Oltre a queste scuole stiamo lavorando anche in tante altre, sia per gli adeguamenti strutturali e normativi (Rossini, Beata Giuliana), sia per i tanti piccoli lavori richiesti dalle norme anticontagio”.
Antonelli si è a lungo confrontato con i dirigenti scolastici alle prese con gli ultimi adeguamenti dettati dalle norme di sicurezza.
Prima tappa alle medie Bellotti, dove sono stati eseguiti lavori di adeguamento sismico, antincendio e normativo per un milione di Euro tra cui il risanamento delle strutture in cemento armato e il rifacimento delle facciate esterne. È seguita poi la visita alle Galilei, dove i lavori hanno comportato l’importante investimento di un milione e seicentomila Euro per il risanamento dei cementi armati, la sistemazione dei giunti strutturali, la sostituzione dei serramenti, il rifacimento delle facciate.
Ultima tappa all’Istituto Bossi dove la spesa di seicentomila Euro ha permesso anche la realizzazione di nuovi bagni al piano terra.

Copyright @2020