Ieri... oggi, è già domani | sabato 24 luglio, 06:14

"gal disu al tò pà""  - lo riferisco a papà

"gal disu al tò pà"" - lo riferisco a papà

Ieri... oggi, è già domani, Busto Arsizio | 06:00

Serve qui, una traduzione? facciamola, suvvia "quel vezzeggiativo (Meluccio) è dedicato al nome del bambino

"t'àl chi" - eccolo

"t'àl chi" - eccolo

Ieri... oggi, è già domani, Busto Arsizio | 06:00

Lo si vede che Giusepèn è gentile, per i suoi occhi vispi, mai lamentosi, sempre col sorriso a portata di mano... quasi a dirti che tu sei prezioso agli occhi suoi

"muisnò" - ammorbidire

"muisnò" - ammorbidire

Ieri... oggi, è già domani, Busto Arsizio | 06:00

Il babbo usava "muisnò" per due importanti funzioni; la prima dedicata agli uomini, mentre la seconda era... per tutti; quindi per ogni Persona, bambini compresi

"i suanòm"  - i soprannomi

"i suanòm" - i soprannomi

Ieri... oggi, è già domani, Busto Arsizio | 06:00

Mi vengono in mente due soprannomi di amici comuni; "ul Pedèla" e "ul Pineta"

"i scièsi"  - le ciliegie

"i scièsi" - le ciliegie

Ieri... oggi, è già domani, Busto Arsizio | 06:00

Viene in mente un ricordo che avevo sopito, magari addormentato nella mente, non dimenticato. Ed è Giusepèn a riportarlo in evidenza e a commentarlo.

"sberlòi àa buca" - sberle in bocca

"sberlòi àa buca" - sberle in bocca

Ieri... oggi, è già domani, Busto Arsizio | 06:00

Non fatevi travisare dal titolo. Nessuna violenza. Nessun tentativo di mollare cazzotti a qualcuno. E meno che meno in bocca.

"zuca e melòn... àa so stagiòn"  - zucca e melone, alla loro stagione

"zuca e melòn... àa so stagiòn" - zucca e melone, alla loro stagione

Ieri... oggi, è già domani, Busto Arsizio | 06:00

Già abbiamo trattato il "detto", Giuseppino ed io. Stavolta, però, si affrontano quelle parole con un certo riguardo al "buon costume" in voga allora... tanto cambiato nel giro di pochi anni e non sempre compreso dalla gente

a mota dul rudu  - la catasta del letame

a mota dul rudu - la catasta del letame

Ieri... oggi, è già domani, Busto Arsizio | 09:00

Lo dico subito. Non fatevi fuorviare dal titolo del pezzo. C'entra nulla con le mode. Significa solo accumulo di cose vecchie.

temp'in drè  - tempi passati

temp'in drè - tempi passati

Ieri... oggi, è già domani, Busto Arsizio | 06:00

Eppure, il "pezzo" evidenzia la vita che mi ha visto partecipe, a differenza di altri che hanno cominciato a ....esistere dentro gli agi senza avere compiuto il minimo sacrificio.

In prima fila!

In prima fila!

Ieri... oggi, è già domani, Busto Arsizio | 06:00

Dice sempre Giusepèn "gheu 20 ann e dueu dighi al to pò... di sumenzi... e tu ustu" (avevo 20 anni e dovevo dire a tuo padre... delle sementi) poi Giusepèn è andato avanti coi particolari...

"digàn ....quatàr"  (digliene ....quattro)

"digàn ....quatàr" (digliene ....quattro)

Ieri... oggi, è già domani, Busto Arsizio | 06:00

"na radilà....chi fa fò dul mò a l'e non cuntentu e al dei mangià dul so sin'a candu l'è 'n bona"(devono pagarla...chi fa del malenon è contento e deve mangiare di suo sino a quanto ne ha)

"San Giuàn"  (San Giovanni)

"San Giuàn" (San Giovanni)

Ieri... oggi, è già domani, Busto Arsizio | 06:00

E' il Patrono di Busto Arsizio. San Giovanni, per noi è "Natale"....un momento magico da vivere e da assaporare nel migliore dei modi.

"riverenza"  (rispetto)

"riverenza" (rispetto)

Ieri... oggi, è già domani, Busto Arsizio | 06:00

Andiamo per il sottile. La "riverenza" è anche un detto popolare che si usava in antichità, con molteplici significati.

"radegà"  (indaffarato)

"radegà" (indaffarato)

Ieri... oggi, è già domani, Busto Arsizio | 06:00

Giuseppino ha parole di commento anche per il mio lavoro. Dalla sua espressione capisco che è contento. E mi fermo qui. Non voglio parlarmi addosso.

"i...Marcora"  (da nonno Pasquale a noi)

"i...Marcora" (da nonno Pasquale a noi)

Ieri... oggi, è già domani, Busto Arsizio | 06:00

Quindi, devo ricorrere al.... calendario, per stabilire i fatti e le inevitabili conseguenze. Non prima d'avere detto che noi Marcora sia i "farasciti".

"san men curòi"  (sano come il corallo)

"san men curòi" (sano come il corallo)

Ieri... oggi, è già domani, Busto Arsizio | 06:00

Non voglio turbare Giuseppino che ha da fornirmi alcune "chicche" di un tempo antico.

"t'al dò mèn ul panigu"" (te la do io la paga)

"t'al dò mèn ul panigu"" (te la do io la paga)

Ieri... oggi, è già domani, Busto Arsizio | 06:00

Vogliamo dare un nome maggiormente circostanziato al detto Bustocco?....ma si, che diamine!

"ul frecassu" (il fracasso)

"ul frecassu" (il fracasso)

Ieri... oggi, è già domani, Busto Arsizio | 06:00

Cominciamo con quello più ....severo: "i cà hin fèi da sassu e ghan tuci ul so frecassu" ...hoibo! "le case sono costruite col sasso e hanno tutte il loro fracasso"

"mamàlucu" (stupido, sciocco)

"mamàlucu" (stupido, sciocco)

Ieri... oggi, è già domani, Busto Arsizio | 06:00

In verità, quel "mamàlucu"può essere scritto in mammalucco-mamalucco-mamelucco

"strìa e calastrìa" (strega e ...miseria nera)

"strìa e calastrìa" (strega e ...miseria nera)

Ieri... oggi, è già domani, Busto Arsizio | 06:00

Abbiamo già svelato nel titolo, il significato di "strìa"(strega) e di "calastrìa" (miseria nera). Per dire che fra le due parole c'è attinenza solo nel finale.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore