Servizio coordinato delle forze dell’ordine
Sorpreso baby pusher con dosi di hashish e marijuana

Nella serata del 27 agosto è stato effettuato, come disposto dal Questore di Varese, un servizio coordinato di controllo delle piazze e delle vie del centro di Busto Arsizio, teatro della cosiddetta “movida”, specie nei fine settimana. Identificati oltre 50 giovani, un baby pusher denunciato

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Nella serata del 27 agosto è stato effettuato, come disposto dal Questore di Varese, un servizio coordinato di controllo delle piazze e delle vie del centro di Busto Arsizio, teatro della cosiddetta “movida”, specie nei fine settimana, volto ad identificare gli abituali frequentatori del centro e tra di loro, in particolare, quelli protagonisti di comportamenti censurabili, come risse, aggressioni e atti contrari al decoro urbano. Il servizio è stato affidato al Commissariato della Polizia di Stato di Busto Arsizio, con il concorso di equipaggi della Questura di Varese e della locale Compagnia Carabinieri. Nella circostanza, sono state identificate oltre 50 persone, di età per lo più compresa tra i 15 e i 20 anni e nella quasi totalità provenienti da altri comuni del circondario, in particolare della zona di Malpensa, del gallaratese e dell’alto milanese.

Durante il servizio, poco prima della mezzanotte, nei pressi della Stazione Nord, l’attenzione degli operatori è stata attirata da un ragazzo, che a torso nudo stava colpendo con una bottiglia di plastica vuota i cartelli stradali. Il controllo del ragazzo, quasi maggiorenne e residente nell’alto milanese, ha portato alla scoperta di quattro dosi di marijuana ed una di hashish, nascoste negli slip. I controlli sono stati, a quel punto, estesi all’abitazione del diciassettenne, dove gli agenti hanno sequestrato altri otto grammi di hashish al giovane pusherr, due bilancini di precisione, vario materiale utilizzato per confezionare le dosi pronte per lo spaccio e un taglierino con la lama intrisa di sostanza stupefacente. Il ragazzo è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria Minorile e affidato al genitore.

Copyright @2020